C’è bisogno di ordine da queste parti!

Normalmente tutti gli anni, verso la fine, inizio la stesura dei miei buoni propositi. Lo fanno in molti, credo sia un modo per fare il punto della situazione e infondersi energia positiva per affrontare un nuovo anno con più stimoli.

Quest’anno non so perché non ho nemmeno iniziato, forse ho bisogno di fare “pulizia” per trovare nuove energie.

In una libreria, mentre mi trovavo alla cassa, il mio sguardo si è posato su di  un libro che ha attratto subito la mia attenzione e al quale non ho resistito, si intitola “Il magico potere del riordino” sottotitolo il metodo giapponese che trasforma i vostri spazi e la vostra vita di Marie Kondo. Non avevo mai sentito parlare di questa giovane autrice che ho poi scoperto essere diventata una celebrità.

Ho iniziato a leggere il suo libro decisa a seguire alla lettera i consigli di Marie… procedendo nella lettura ho iniziato a pensare che il suo metodo è forse un po’ troppo radicale per me, vorrei davvero avere il coraggio di eliminare decine di oggetti. Mi rendo perfettamente conto che è una questione puramente psicologica quella di non riuscire a distaccarsi dalle cose materiali ed ho deciso di lavorarci su.

Sacchi e sacchi di cose hanno già trovato una nuova vita ma a casa nostra non sembra ancora cambiato un gran che… devo lavoraci ancora con energia perché sono certa che possa essere davvero liberatorio. Vediamo dove riuscirò ad arrivare, confesso di non essere particolarmente ottimista in merito anche perché P è un po’ come me forse peggio ama le cose antiche e vecchie ed in ogni oggetto si nasconde un ricordo.

Per ora non mi arrendo!

Dipingere

Quanto tempo è passato

 

E’ passato così tanto dall’ultima volta che ho scritto… è come se il tempo si fosse fermato, in realtà di cose ne sono successe molte.

Vorrei scrivere di più, vorrei realizzare molte più cose delle varie che mi vengono in mente ed invece mi sembra sempre di rincorrere qualcosa che mi è sfuggito e una folata di vento dispettoso continua ad allontanarmi.

Ho visto sfrecciare un piccolo orsetto sulla neve, ne ho seguito un altro sui campi di mezza Italia, mi sono occupata di chi stava male, ho lavorato, sognato, pensato, seguito e rincorso ed eccomi qui nel bel mezzo dell’estate a fare progetti senza averne realizzati tanti altri ma il bello di prendersi una pausa dalla vita di tutti i giorni è proprio quello di pensare che al ritorno si possa ripartire da zero… beh proprio da zero magari no ma la sensazione è un po’ quella che si prova quando si ha a disposizione un foglio bianco su cui poter scrivere e disegnare nuove storie e nuove avventure con rinnovata fantasia e più carichi di energia… questo sì!

Buona estate!

 image

Sogni d’oro

Il piccolo Pi comincia a star stretto nel suo lettino, non potrò far finta di ignorare ancora a lungo questo dato di fatto.
Vorrei non pensarci ancora per un po’ perché mi spiace dismettere dopo tanti anni il mitico lettino Stokke, perché un letto di dimensioni normali implica spostamenti e nuovi ragionamenti sugli arredi della camera ma soprattutto perché, diciamolo, vuol dire che il mio bambino non è più così piccolo e per una mamma la questione non è banale.
Non vorrei fare come la mia amica che ha sostituito il lettino della figlia all’età di sette anni, non fosse per il fatto che io non posso approfittare della finestrella sul fondo che le permetteva di far uscire i piedi…. Rischierei di trovarlo con le zampotte irrimediabilmente incastrate tra le sbarre!
Gli aspetti positivi naturalmente ci sono, veder crescere i propri figli è bello e stimolante inoltre vorrei fare come per P al quale il nuovo letto l’avevo disegnato io.
Vorrei che quello del piccolo Pi fosse diverso ma mi piacerebbe utilizzare lo stesso materiale, starebbero bene insieme e tutti e due avrebbero il loro personale contributo da parte della mamma.
Sto studiando il da farsi, sfoglio libri, guardo di qui e di  ma per ora non ho le idee chiare.

Accetto consigli!

Qualcuno me lo ha dato P.
“Mamma potresti farlo triangolare con le ruote da carriola in ogni lato, davanti sulla punta lunga un manubrio, intorno delle lattine che se ci soffi dentro il triangolo parte, poi un pulsante per l’autodistruzione e una cosa di ferro altissimo con sopra un cuscino!
“Ah! Che sollievo, almeno quello….”
“Poi basso, basso, basso sotto terra ci sono le coperte e dopo ci sono dei cassetti dove mettere i pupazzi…”
“Ma a cosa serve il pulsante per l’autodistruzione?”
“Se arriva un ladro glielo spari in faccia e sccchhhrrr sccchhhrrr lo distruggi”
“Quindi non serve per distruggere il letto con dentro piccolo Pi?”
“Nooooo”
“Beh allora potrei pensarci.”
imageimageLetto vintage

Perle di saggezza

Domenica scorsa abbiamo festeggiato tutti in un colpo i compleanni di dicembre e di gennaio di una parte della famiglia, 8 persone…tra le quali anche P e piccolo Pi che lo hanno definito il “finto” compleanno dato che esiste anche un “finto” Natale, quello che si passa con parte della famiglia qualche giorno prima del 25 dicembre.

Piccolo Pi che non ha ancora 4 anni (il “vero” compleanno non è ancora arrivato) seduto con aria saggia ha così commentato: “Il finto compleanno, il finto Natale… viviamo in un mondo di plastica!”

2013_dicembre 028

Per il mio onomastico voglio Pluto vecchio di cellulite

P per il suo onomastico aveva un desiderio che ha espresso con un biglietto che citava (tralasciando gli errori di ortografia): “PER IL MIO ONOMASTICO VOGLIO PLUTO VECCHIO DI CELLULITE”.

Il Pluto in oggetto era un gioco molto vecchio che abbiamo ipotizzato essere in celluloide. Lo desiderava ed era curioso di sapere quanto costasse, gli ho spiegato che non ne avevo idea in quanto è un mercato che non conosco, bisognava recarsi al negozio che lo esponeva e domadare. Volevo che lo facesse lui per cui mi sono fermata con l’auto a pochi metri e ho aspettato che andasse in missione. Dopo diversi minuti passati ad osservare la vetrina (tenuto d’occhi da alcuni passanti) è tornato dicendomi che non ne aveva il coraggio, gli ho proposto di tornare con il sostegno del fratello treenne.

Piuttosto di farlo lui ha sollevato il peso non indifferende del piccolo Pi per permettegli di suonare il campanello, quest’ultimo è entrato ha chiesto il prezzo ed è uscito (urlando “costa cento eulo!) seguito dal proprietario che gesticolando con la mano come per dire “machièlamadresciagurata” era già pronto a chiamare i servizi sociali. Peccato che mi trovassi a circa 7,5 metri di distanza… ma è normale che al giorno d’oggi un bambino non possa stare a più di 15 cm dal genitore o da chi ne fa le veci senza rischiare una denuncia o il giudizio negativo del prossimo?

Io andavo addirittura all’asilo da sola, confinava con casa mia  ed ero seguita dalla finestra con lo sguardo ma ve lo immaginate al giorno d’oggi?

Comunque Pluto è ancora lì perchè anche se fosse costato 10 euro chi di noi avrebbe avuto il coraggio di andarlo a comprare?
Aaaah dimenticavo il piccolo Pi, lui sì che è un temerario!

Pluto di cellulite

 

Nella giungla delle attività

Eccoci qui belli scomodi (cito me stessa all’età di 2 anni) a settembre inoltrato a ramazzare volantini, chiedere informazioni, organizzare lezioni prova e giocare a sudoku con una griglia in cui incastrare giorni, impegni, fratelli…

Quando “ero giovane” (leggi non mamma) guardavo con un certo scetticismo quei bambini così impegnati da sembrare degli amministratori delegati…. oooh come vi capisco ora genitori di quei bambini…

Ma farà così male ai nostri figli tutto ‘sto sport? Certo che ci manca l’inglese (e mi sento in colpa) e se fra un tuffo in piscina, un placcaggio e un combattimento aggiungessi gli scacchi… aiutooo non so cosa fare!

tanti sport e tanti corsi

 

L’estate sta finendo…

Questa strana estate 2013 è arrivata tardi ed è stata comunque capricciosa.

L’estate mi da un senso di vuota malinconia, forse perchè è legata a ricordi tristi, forse perchè il caldo dei pomeriggi lenti e vuoti sia in città che altrove (se non si è in viaggio) mi lascia un senso di stordimento, forse perchè l’estate è legata al distacco. Il distacco dalla vita di tutti i giorni, dagli amici e perchè partire è davvero un po’ morire, almeno per me, ma una volta partiti e soprattutto quando si è in viaggio molte cose cambiano.

L’estae divide l’anno. D’estate si pensa di più, si vedono cose nuove, si fanno cose diverse, ci si libera e ci si rigenera per ripartire spesso carichi di buoni propositi.

Quest’estate ho passato tanto tempo con Pi e Piccolo P. che si sono costruiti rifugi, hanno annusato fiori, osservato gli animali e la natura, cercato sassi, visitato città e luoghi diversi, fatto scoperte. Hanno giocato e si sono anche annoiati,  non sono mancate le lamentele per i compiti, i capricci e i litigi tra fratelli… ma questa è un’altra storia.

L’estate è lunga ma quando si arriva in fondo sembra volata,  si ricomincia buon rientro a tutti!

 

tutta estate 2013

E’ finito il caffè

Oggi è l’ultimo giorno di scuola.

Come sono diverse le cose a seconda del punto di vista da cui le si guarda. Da ragazzini la fine della scuola era la meta da raggiungere sin dall’inizio dell’anno, da bambini la felicità di non doversi buttare giù dal letto ma forse anche la tristezza di lasciare gli amici per tutta l’estate, da genitori è una mezza tragedia!

Tre mesi sono lunghissimi, l’appuntamento quotidiano con le mamme del caffè dovrà aspettare ma a parte questo particolare (non irrilevante) è davvero difficile per le famiglie sistemare i bambini per così tante settimane, voi come vi siete organizzati?

Qualche mese fa ho scoperto che in Italia la scolarizzazione non è obbligatoria, sono caduta dal pero… E la storia dei carabinieri che vengono a bussare alla tua porta se non ti presenti in classe? Non potrò più rivendermela in caso di necessità e per ora a P. non rivelerò l’accattivante (per lui) alternativa ossia l’Home schooling.
Per la nostra costituzione è l’istruzione ad essere obbligatoria, non la scuola e i genitori possono sostituirsi agli insegnanti.
La prima volta che ne ho sentito parlare è stata ad una trasmissione in tv, l’argomento mi ha incuriosito e me ne sono interessata per una mamma del caffè che si sta per trasferire all’estero dove i suoi figli frequenteranno una scuola americana ma che vorrebbe dar loro anche un’istruzione italiana.

Di homeschoolers se ne sta occupando per lavoro anche Paola di Ero una brava mamma prima di avere figli, l’argomento comincia a prendere piede e visti i continui tagli e la crisi galoppante non vorrei che qualcuno ci pensasse seriamente.
Tre mesi sono davvero lunghi ma dodici io, per diverse ragioni, non li potrei affrontare…

W LA SCUOLA!

E' finito il caffè

Freddo e fango

Per molti bambini si sta per concludere un anno di scuola, di attività e di sport.

Quest’anno il Grande P ha deciso di iscrivere P. ad uno sport di squadra per cercare di migliorare la sua indole a dir poco esuberante ma che nasconde un carattere timido ed introverso. La scelta, senza troppi preamboli è caduta sul rugby. Ammetto che il mio animo di mamma italiana quello del tipo ohmammamiasesifamale e la repulsione per terra e fango hanno cercato di fare resistenza ma i pregiudizi sono presto venuti meno.

E’ entusiasmante veder giocare dei bambini che affrontano con entusiasmo, forza e coraggio gli avversari nonostante i risultati e le condizioni atmosferiche che quest’anno hanno dato il peggio. Pazienza se ogni tanto non si buttano nella mischia, raccolgono le margherite o non gridano l’inno della squadra, anche se i padri difficilmente lo accettano…

Ieri siamo stati in trasferta è finalmente il sole ci ha accompagnati, non esultiamo perché al prossimo allenamento tornerà il diluvio… Comunque di questi mesi mi resterà sicuramente il ricordo del fango, del freddo, delle sveglie all’alba di domenica ma anche l’emozione della prima volta in cui nostro figlio è partito per stare via due notti “tutto solo”, l’energia dei bambini e la speranza che P. pian piano riesca a sentirsi parte di una squadra senza aver timore di esultare così come di arrabbiarsi insieme a degli amici.

Grande P hai fatto bene ad insistere!

Topolino 2013 copy

Io e te

Poter vedere il mondo con gli occhi di un treenne almeno per un giorno mi piacerebbe davvero tantissimo.

L’altro giorno il Piccolo Pi osservando due bassorilievi all’ingresso di un palazzo mi ha guardata e mi ha detto: “Mamma quelli siamo io e te”

Fin che dura me la godo… fra una decinna d’anni dovrò ricordarmi di come mi vedeva e magari lo ricorderò anche a lui!

Siamo io e te

Donne sull’orlo di una crisi di nervi

Mi ricordo ancora il giorno in cui con mia mamma siamo andate al cinema a vedere “Donne sull’orlo di una crisi di nervi”.
Ci siamo accomodate sulle poltrone in velluto di uno di quei vecchi cinema del centro che purtroppo sono quasi del tutto spariti. Non so bene cosa ci aspettassimo di vedere, probabilmente una di quelle commedie americane divertenti ma un po’ scontate, abbiamo capito fin dai titoli iniziali che si trattava di qualcosa di diverso.

Questa commedia ironica, tragica e surreale in fondo non è così distante dalle nostre vite dove la normalità è un concetto alquanto astratto.

image Ieri sera siamo uscite per festeggiare due compleanni e dopo un cocktail, un po’ di patatine e diversi tramezzini c’è chi ha aperto il vaso di Pandora subito aiutata da qualcun’altra a sollevare il coperchio. Storie di dolori, delusioni e difficoltà da affrontare e se non avessero spento le luci con la chiara intenzione di invitarci verso l’uscita (eppure era così presto…. ) la serata avrebbe potuto competere ad armi pari con la trama del film di cui sopra.

Nonostante tutto proprio come nella leggenda greca nel vaso rimane la speranza e Pandora la libererà presto! Comunque la prossima volta proporrò di preparare un gazpacho con l’ingrediente “speciale” utilizzato da Pepa nel film ed inviterei anche Zeus per un assaggio….

Buon compleanno A!!!

 

 

Fai finta di essere una mamma intelligente

f2013_febbraio Gnomo pie disegnoIl piccolo Pi, neo treenne, alcune mattine fa mi ha guardato serio negli occhi e con tono perentorio mi ha detto: “fai finta di essere una mamma intelligente!” Ad onor del vero devo dire che ha aggiunto “così io ti faccio BUUU” e alla domanda: “angioletto della mamma, dimmi, conosci il significato di intelligente?” mi ha risposto di no. Il mio orgoglio ferito si è risollevato ma forse è meglio non dar nulla per scontato con i bambini anche (e forse soprattutto) se certe affermazioni arrivano da un nanetto vestito da gnomo! Leggendo il significato di intelligente qualche dubbio mi è sorto…