Quanto tempo è passato

 

E’ passato così tanto dall’ultima volta che ho scritto… è come se il tempo si fosse fermato, in realtà di cose ne sono successe molte.

Vorrei scrivere di più, vorrei realizzare molte più cose delle varie che mi vengono in mente ed invece mi sembra sempre di rincorrere qualcosa che mi è sfuggito e una folata di vento dispettoso continua ad allontanarmi.

Ho visto sfrecciare un piccolo orsetto sulla neve, ne ho seguito un altro sui campi di mezza Italia, mi sono occupata di chi stava male, ho lavorato, sognato, pensato, seguito e rincorso ed eccomi qui nel bel mezzo dell’estate a fare progetti senza averne realizzati tanti altri ma il bello di prendersi una pausa dalla vita di tutti i giorni è proprio quello di pensare che al ritorno si possa ripartire da zero… beh proprio da zero magari no ma la sensazione è un po’ quella che si prova quando si ha a disposizione un foglio bianco su cui poter scrivere e disegnare nuove storie e nuove avventure con rinnovata fantasia e più carichi di energia… questo sì!

Buona estate!

 image

L’estate sta finendo…

Questa strana estate 2013 è arrivata tardi ed è stata comunque capricciosa.

L’estate mi da un senso di vuota malinconia, forse perchè è legata a ricordi tristi, forse perchè il caldo dei pomeriggi lenti e vuoti sia in città che altrove (se non si è in viaggio) mi lascia un senso di stordimento, forse perchè l’estate è legata al distacco. Il distacco dalla vita di tutti i giorni, dagli amici e perchè partire è davvero un po’ morire, almeno per me, ma una volta partiti e soprattutto quando si è in viaggio molte cose cambiano.

L’estae divide l’anno. D’estate si pensa di più, si vedono cose nuove, si fanno cose diverse, ci si libera e ci si rigenera per ripartire spesso carichi di buoni propositi.

Quest’estate ho passato tanto tempo con Pi e Piccolo P. che si sono costruiti rifugi, hanno annusato fiori, osservato gli animali e la natura, cercato sassi, visitato città e luoghi diversi, fatto scoperte. Hanno giocato e si sono anche annoiati,  non sono mancate le lamentele per i compiti, i capricci e i litigi tra fratelli… ma questa è un’altra storia.

L’estate è lunga ma quando si arriva in fondo sembra volata,  si ricomincia buon rientro a tutti!

 

tutta estate 2013

E’ finito il caffè

Oggi è l’ultimo giorno di scuola.

Come sono diverse le cose a seconda del punto di vista da cui le si guarda. Da ragazzini la fine della scuola era la meta da raggiungere sin dall’inizio dell’anno, da bambini la felicità di non doversi buttare giù dal letto ma forse anche la tristezza di lasciare gli amici per tutta l’estate, da genitori è una mezza tragedia!

Tre mesi sono lunghissimi, l’appuntamento quotidiano con le mamme del caffè dovrà aspettare ma a parte questo particolare (non irrilevante) è davvero difficile per le famiglie sistemare i bambini per così tante settimane, voi come vi siete organizzati?

Qualche mese fa ho scoperto che in Italia la scolarizzazione non è obbligatoria, sono caduta dal pero… E la storia dei carabinieri che vengono a bussare alla tua porta se non ti presenti in classe? Non potrò più rivendermela in caso di necessità e per ora a P. non rivelerò l’accattivante (per lui) alternativa ossia l’Home schooling.
Per la nostra costituzione è l’istruzione ad essere obbligatoria, non la scuola e i genitori possono sostituirsi agli insegnanti.
La prima volta che ne ho sentito parlare è stata ad una trasmissione in tv, l’argomento mi ha incuriosito e me ne sono interessata per una mamma del caffè che si sta per trasferire all’estero dove i suoi figli frequenteranno una scuola americana ma che vorrebbe dar loro anche un’istruzione italiana.

Di homeschoolers se ne sta occupando per lavoro anche Paola di Ero una brava mamma prima di avere figli, l’argomento comincia a prendere piede e visti i continui tagli e la crisi galoppante non vorrei che qualcuno ci pensasse seriamente.
Tre mesi sono davvero lunghi ma dodici io, per diverse ragioni, non li potrei affrontare…

W LA SCUOLA!

E' finito il caffè